Attività

numero verde sos

 fenice banner

consultanoi

DISTRETTO XVIII

UOSD Disturbi del Comportamento Alimentare
Responsabile Dott Armando Cotugno
Dott Giuseppe Piacentini

UOC Patrimonio e Manutenzione

Prot U 30/2011 uosddca
del 20.06.2011

Oggetto: Parere tecnico Struttura Raphael e Struttura via Camillo Mariani

Il progetto di istituzione di una residenza per pazienti con Disturbo del Comportamento
Alimentare (Bulimia Nervosa, Anoressia Nervosa e Disturbo da Alimentazione Incontrollata -DAI) si
inserisce all’interno della costruzione di quattro livelli di intensità di cura integrati tra loro. La
residenza per la riabilitazione psiconutrizionale deve consentire un facile collegamento con il
personale operante con gli altri livelli di cura e in particolare con le strutture ambulatoriali. E’ un dato
ormai sostenuto dalla ricerca clinica e sostenuto dalle linee guida internazionali che la continuità delle
cure tra i diversi livelli di intervento costituisce l’elemento qualificante del buon esito del trattamento
(APA, 2006; NICE, 2004). Inoltre, la riabilitazione psicoutrizionale, rivolta prevalentemente a una
popolazione adolescenziale e di giovani adulti, non può essere svincolata dalla contiguità con altre
agenzie e realtà sociali (scuola, famiglia, gruppi di pari), che vengono attivamente coinvolte nel
processo riabilitativo e costituiscono l’elemento di continuità e di facilitazione della ripresa di una
normale vita sociale. E’ proprio sulla base di queste considerazioni che le strutture residenziali
pubbliche esistenti in altre regioni italiane si sono sforzate nel mantenere un forte radicamento
territoriale e saldi rapporti con la rete socio-sanitaria, garantiti dall’accessibilità e dalla contiguità
delle strutture stesse.
Coerentemente con le premesse sopra esposte e ricordando che l’intervento residenziale è
prevalentemente dedicato a una popolazione adolescenziale e giovanile, che necessita di mantenere
l’accesso a una rete socio-familiare il più normale possibile, ritengo che la struttura Raphael, sita nel
villino M del comprensorio condominiale di via Cassia 1791, non garantisca la necessaria
integrazione con la rete socio-sanitaria già esistente (Ambulatori di via Silveri e del Pad.I del
S.Mariadella Pietà, DH Ospedale S.Spirito e Reparto di Medicina Interna dell’Ospedale S.Spirito) e,
per le caratteristiche della sua ubicazione, rischi di aumentare il senso di ghettizzazione e di distacco

dai contesti sociali, che le giovani pazienti si trovano già ad affrontare durante il lungo ricovero
riabilitativo. Tale valutazione negativa è basata su i seguenti criteri:

1. Difficoltà di raggiungimento attraverso la rete viaria e lontananza di circa tre chilometri dalla
stazione ferroviaria urbana.

2. Collocazione della struttura all’interno di un complesso residenziale che ne limita l’accesso,
aumentando la percezione di ghettizzazione e marginalizzazione.

3. Distanza dalla rete dei servizi della UOSD DCA
Sempre sulla base delle premesse sopra esposte, si esprime un parere positivo sulla
struttura sita in via Camillo Mariani n° 5. Tale struttura garantirebbe l’apertura della residenza a
10-12 pazienti. Consentirebbe la prossimità con l’ambulatorio del S.Maria della Pietà e con il Servizio
di Nutrizione Clinica del S. Filippo Neri, con cui la UOSD DCA ha da tempo avviato linee di
collaborazione. Garantirebbe, inoltre, una migliore distribuzione del personale tra le strutture esistenti,
riducendo notevolmente i tempi di spostamento tra le strutture, migliorando l’efficienza della rete della
UOSD DCA, rispetto all’ipotesi S.Raphael. Per la migliore collocazione urbanistica, la struttura di
via Camillo Mariani n° 5 consentirebbe un più facile coinvolgimento delle famiglie nel processo
terapeutico e offrirebbe migliori possibilità di collegamento con le diverse realtà sociali del territorio
con cui attivare progetti di riabilitazione psicosociale.

Cordiali saluti

F.to Il responsabile UOSD
Disturbi del Comportamento Alimentare
Dott Armando Cotugno

 

 

Amici di Fenice Lazio

Sondaggio

Come pensi che sia il tuo rapporto con il cibo?